Alle Elezioni Regionali di domenica prossima facciamo valere le buone ragioni di un voto che sia quanto più responsabile possibile, un voto prima pensato e poi dato per il bene di tutti.

Facciamo in modo che resti traccia nella buona Amministrazione di domani, dell’esperienza di ieri e delle cose importanti fatte in passato.

Facciamo sì che vadano ad amministrarci e a governare il territorio le persone migliori, quelle preparate, consapevoli, responsabili e poco inclini a usare la politica per fini carrieristici o per solo tornaconto personale.

Facciamo in modo che le idee chiare primeggino sul resto e che i migliori siano gli uomini di coraggio e di valore, e non quelli che si abbeverano alla macchina del potere.

Diamo seguito alle cose buone che sono germogliate nel Partito Democratico , ma abbiamo il coraggio di scegliere il meglio, perché anche nello stesso ambiente politico possono esserci differenze.

Non tutti siamo uguali e non tutti certamente interpreti di un pensiero unico ma ciascuno portatore di caratteristiche e interessi variabili.

Abbiamo assoluto bisogno di riportare il nostro territorio al centro dell’agenda politica regionale ma per farlo dobbiamo essere rappresentati da persone che questa terra la vivono e per questo la amano, persone che conoscono il Salento e fanno di esso una questione di interesse primario.

Tutte queste esortazioni e queste speranze portano, a mio avviso, ad un identikit, quello di un uomo che potrebbe dare senso al nostro voto e significato alle politiche amministrative. L’identikit di ERNESTO ABATERUSSO.

Il 31 maggio sosteniamo la buona politica, sosteniamo il Salento, votiamo per noi, crociando PD e scrivendo ABATERUSSO con EMILIANO Presidente.

Cosimo Durante
Componente della Direzione Regionale PD